de it
login o  registrarsi

Opportunità per insegnare italiano in Germania

Normal_fotolia_17675183_xs

Ci sono varie possibilità per insegnare italiano in Germania che variano a seconda del proprio profilo e titolo di studio.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ed il Ministero degli Affari Esteri, infatti, offrono diverse borse di studio e vari programmi per svolgere attività didattiche all’estero, rivolti sia a studenti universitari iscritti agli ultimi anni di corso che a laureati ed insegnanti di ruolo.

La Germania rientra ovviamente tra i paesi per i quali è possibile fare questo tipo di esperienze e richiedere i suddetti finanziamenti. Opportunità come queste andrebbero colte al volo e sfruttate soprattutto da chi vorrebbe migliorare le proprie conoscenze linguistiche e perfezionare le proprie competenze didattiche.

Ecco alcune delle possibilità più interessanti per insegnare italiano in Germania:

Assistenti di lingua italiana

Una possibilità molto interessante per tutti i germanisti, ancora iscritti all’Università, è quella di trascorrere un anno scolastico come assistente di lingua italiana presso una scuola secondaria in Germania (solitamente un Gymnasium o una scuola superiore dove sia previsto l’insegnamento della lingua italiana).
Requisito fondamentale per poter partecipare alla selezione è quello di essere studenti ancora iscritti ad una laurea umanistica (lingue o lettere) ed aver sostenuto almeno due esami di lingua o letteratura italiana ed almeno due esami di lingua o letteratura tedesca. Per maggiori informazioni sui requisiti specifici richiesti, sarebbe opportuno consultare il relativo bando annuale reperibile sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Tale bando di concorso viene pubblicato ogni anno, solitamente a dicembre, dal Ministero dell'Istruzione, e la scadenza è solitamente prevista per metà gennaio.

L’assistente di lingua viene impiegato in una scuola superiore tedesca, nella quale sia previsto l’insegnamento dell’italiano, per circa 12 ore a settimana. Il suo compito principale è quello di affiancare i docenti nelle diverse attività didattiche (conversazione in italiano con gli studenti, correzione di compiti, ecc.). In generale le mansioni dell’assistente di lingua e gli orari di lavoro variano da scuola a scuola e vengono concordati una volta giunti sul posto con il docente-tutor. Il compenso mensile previsto si aggira intorno agli 800 euro e viene erogato dal paese ospitante.

Assistentato Comenius

Un’altra possibilità per insegnare italiano in Germania è costituita dal Comenius, presente all’interno del programma comunitario LLP (Lifelong Learning Programm) Questo tipo di assistentato permette a futuri insegnanti di qualunque disciplina di trascorrere un periodo, che va dalle 13 alle 45 settimane, presso una scuola di uno dei paesi partner per affiancare il personale locale nell’attività di insegnamento ed acquisire nuove competenze didattiche. L’istituto ospitante nomina per ogni assistente Comenius un insegnante supervisore, con il quale questi deve concordare il lavoro e pianificare le varie lezioni. L’assistente in questo tipo di programma non deve necessariamente insegnare l’italiano, bensì può mettere in pratica tutte le proprie competenze ed abilità anche in altre discipline (può ad esempio affiancare un docente di educazione fisica se afferrato in campo sportivo, etc.).

Possono candidarsi alla selezione per diventare assistenti Comenius persone già in possesso dell’abilitazione all’insegnamento o iscritte a un corso abilitante, laureati, studenti del vecchio ordinamento di anni successivi al secondo, studenti della laurea magistrale. Le domande vanno presentate all’agenzia italiana LLP. I vincitori ricevono una borsa di studio che si aggira, per la Germania, sui 4.000 euro per 13 settimane ed aumenta per ogni settimana aggiuntiva effettuata.

Lettorato universitario

Per diventare lettori di lingua italiana nelle varie Università in Germania non è sufficiente la laurea in Lettere o Lingue Straniere, bensì è necessario essere docenti di ruolo in Italia e superare un apposito concorso pubblico. Un’altra possibilità sarebbe però quella di inviare il proprio curriculum vitae (sia in italiano che in tedesco) direttamente alle varie Università in cui si vorrebbe lavorare: il Ministero degli Affari Esteri eroga infatti anche alcuni finanziamenti direttamente agli atenei stranieri. Un lettore lavora mediamente 36 ore a settimana.

Insegnamento presso gli Istituti Italiani di Cultura

Gli Istituti italiani di cultura sono ormai diffusi in tutte le principali città tedesche (Berlino, Amburgo, Colonia, Monaco, Francoforte, etc.). Si tratta di Istituti che hanno l'obiettivo specifico di diffondere lingua e cultura italiana, e quindi organizzano diversi corsi di italiano. Ottenere un posto in uno degli Istituti non è affatto semplice, bisogna infatti superare un concorso pubblico che viene bandito saltuariamente, in base alle esigenze di ciascun Istituto di Cultura: tenete quindi d'occhio la Gazzetta Ufficiale e i siti internet degli Istituti, dove vengono pubblicati i bandi.

Tra i requisiti necessari c'è la laurea in Lettere o Lingue e letterature straniere con voto minimo 110/110 ed un’ottima conoscenza del tedesco. L'incarico dura solitamente un anno.

Insegnamento nelle scuole italiane in Germania

Un’interessante opportunità di mobilità è rappresentata dall’insegnamento nelle scuole italiane in Germania. Ogni anno il Ministero degli Affari Esteri mette a disposizione per il personale docente e amministrativo di ruolo (da almeno due anni) della scuola statale italiana un certo numero di posti presso scuole statali italiane presenti all’estero.
Coloro i quali desiderino presentare domanda devono essere in possesso dei requisiti di volta in volta previsti dal bando e dar prova di conoscere una o più lingue straniere attraverso appositi test. Una volta superate le prove di lingua, il candidato può richiedere di essere inserito nelle graduatorie permanenti, stilate in base al punteggio delle prove, ai titoli culturali, professionali e di servizio. Tali graduatorie vengono aggiornate solitamente ogni tre anni ed è sulla base di queste che i vari docenti vengono chiamati per ricoprire i posti vacanti. Il servizio all’estero dura cinque anni e può essere rinnovato per 2 volte.

Insegnamento della lingua italiana presso le Volkshochschulen (VHS)

Infine un’altra possibilità per insegnare l’italiano in Germania è costituita dalle Università popolari, le rinomate Volkshochschulen (VHS). Qui la procedura è più semplice, non servono concorsi pubblici in quanto si tratta di scuole private che offrono tra le tante discipline anche corsi di lingua e cultura italiana. E’ sufficiente inviare il proprio curriculum in tedesco alle varie scuole, o magari andarci di persona. E’ fondamentale dimostrare una buona conoscenza della lingua tedesca ed avere già esperienze pregresse nel campo dell’insegnamento. Preferibile, ma non fondamentale è il possesso dell’abilitazione all’insegnamento della lingua italiana agli stranieri (DITALS, CEDILS, etc.): esso costituirebbe sicuramente un punto a vostro favore e vi renderebbe più semplice l’accesso a questo tipo di istituzione scolastica.